Sirio nella rete PRISMA - Osservatorio - Grotte di Castellana
6593
post-template-default,single,single-post,postid-6593,single-format-standard,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,has_general_padding,homa-ver-2.0, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Sirio nella rete PRISMA

Non solo meravigliose cavità carsiche nel complesso delle Grotte di Castellana. Presso il Museo “Franco Anelli” esiste da alcuni anni l’Osservatorio Astronomico SIRIO diretto dal prof. Nicola Rizzi.

La Società Grotte di Castellana presieduta da Marica Pace ed il prof. Rizzi hanno illustrato oggi alla stampa il progetto PRISMA (Prima Rete Italiana per la Sorveglianza sistematica di Meteore e Atmosfera) che prevede la realizzazione di una rete di camere in Italia – e in prospettiva futura il collegamento anche a livello internazionale – per l’osservazione delle meteore brillanti (“bolidi”) al fine di determinarne le orbite e delimitare, con un buon grado di approssimazione, le aree di eventuale caduta di meteoriti sulla Terra.

Le meteoriti sono la principale fonte di informazioni sulla storia remota del Sistema Solare, sui meccanismi di formazione e sul materiale da cui si formarono il Sole e i pianeti. Oltre all’aspetto astrofisico, le immagini del cielo raccolte in continuo (notte e giorno), permetteranno anche il monitoraggio sistematico della copertura nuvolosa e dell’attività elettrica atmosferica. Tali dati potranno essere di grande importanza per la validazione dei modelli metereologici e climatici.

Si tratta di un progetto di altissimo profilo scientifico.

L’obiettivo finale del progetto Prisma è quello di creare una rete di stazioni osservative (attualmente sono 9 le camere in funzione in Italia), con maglie che non superino i 100 km, che si estenda su tutta la nostra penisola. Una volta realizzata, questa rete potrebbe interconnettersi con analoghi programmi già in funzione o in corso di realizzazione in Francia, Spagna e centro Europa.

La Società Grotte di Castellana ha recepito con favore la proposta giunta dal prof. Rizzi ed ha dotato l’Osservatorio SIRIO della strumentazione necessaria. A dicembre scorso il Cda delle Grotte di Castellana ha deliberato l’acquisto della camera di osservazione astronomica che ha visto la sua prima “luce” il 28 Maggio scorso.

Con un semplice clic al link: www.fripon.org/IMG/jpg/stations/RT_ITPU01.jpg, sarà possibile visionare in diretta l’immagine del cielo ripreso (la camera fornisce un’immagine ogni 10 minuti). Chiunque potrà quindi diventare spettatore di un bolide (in caso di un evento cosmico) o di eventi atmosferici di ogni tipo.

Grotte di Castellana è meraviglia della natura, contenitore culturale e polo scientifico di altissimo livello sul fronte speleologico ed astronomico.